Cass. Pen., Sez. VI, sent. 6 ottobre 2020, n. 27742 – Pres. Bricchetti, Rel. Cons. Amoroso – Condannato per peculato d’uso il dirigente che fa usare il cellulare di servizio a terzi

Integra il reato di cui all’art. 314 c.p. la condotta del pubblico agente che consenta a terzi l’utilizzo di un bene pubblico per finalità personali qualora ciò determini una lesione dell’interesse al buon andamento della P.A. (Nel caso di specie, il ricorso in Cassazione è stato presentato da una donna, dirigente di un’importante azienda pubblica, alla quale era stato contestato il reato di peculato d’uso per aver consentito al proprio coniuge di utilizzare il cellulare di servizio alla stessa assegnato dall’azienda).


Peculato – Per appropriazione – Cessione a terzi del bene pubblico per finalità private – Uso temporaneo – Appropriazione – Rif. Leg. art. 314 cod. pen.