Cass. pen., sez. VI, sent.12 giugno 2020, n. 18125

“Ai fini della configurabilità del delitto di associazione di tipo mafioso, non può essere accertata la mera potenzialità, per quanto seria, di un futuro uso del metodo mafioso, dovendosi verificare in concreto la sua effettiva incidenza nell’ambito di operatività del sodalizio.

“Anche nel caso di organizzazioni criminali che costituiscono una articolazione territoriale di associazioni mafiose tradizionali, in quanto legate da un rapporto di dipendenza da esse […], ai fini della configurabilità del reato non è sufficiente la sola prova dell’essere cellula di una associazione tradizionale, ma è necessario anche in tal caso che l’articolazione manifesti sul nuovo territorio la propria capacità di intimidazione e che da essa derivi assoggettamento mafioso. Anche per le c.d. nuove mafie, è necessario che il gruppo manifesti la propria capacità di intimidazione […] e che da detta capacità produca assoggettamento omertoso.”